Una delle mete turistiche più affascinanti da vedere in Campania è sicuramente la Reggia di Caserta. Con un’escursione giornaliera si potranno rivivere le sfarzose atmosfere della vita di corte, ammirando le magnifiche stanze reali e la grandiosità dei giardini che si estendono a perdita d’occhio. Dichiarata nel 1997 dall’Unesco patrimonio dell’umanità, la si può raggiungere in auto, van o minibus ed è perfetta per un’escursione giornaliera.

Reggia di Caserta: patrimonio Unesco dal 1997

La Reggia di Caserta è la splendida dimora fatta costruire dai Borbone nel XVIII secolo e considerata la residenza reale più grande e imponente al mondo. Probabilmente anche una di quelle meglio conservate. Fu per volere di Carlo di Borbone che ebbero inizio i lavori di costruzione nel 1752, quando si raggiunse la piena consapevolezza che il Regno di Napoli era oramai autonomo dal controllo spagnolo. Il nuovo Regno aveva bisogno di allocare la propria capitale in un luogo sicuro, possibilmente non sul mare per evitare facili attacchi provenienti dalla costa, e la scelta cadde su una pianura dell’entroterra, la Terra di Lavoro. I lavori furono affidati a Luigi Vanvitelli, sicuramente uno degli architetti più bravi e rinomati dell’epoca, autore fra l’altro dei restauri della cupola di San Pietro, che vi lavorò intensamente per sette lunghi anni fino al 1759, quando Carlo di Borbone dovette tornare nella capitale spagnola a causa della morte del re di Spagna. Da quell’anno in poi i lavori procedettero molto più lentamente, tanto che quando Luigi Vanvitelli morì la Reggia non era stata ancora portata a termine. I lavori furono ripresi da Carlo Vanvitelli, suo figlio, e la Reggia finalmente fu completata nel XIX secolo.

Oggi si presenta come il palazzo reale che meglio sostiene il confronto sia con Versailles, la residenza dei reali di Francia, sia con l’Escorial nei pressi di Madrid. Certamente, grazie alle sue 1200 stanze, alle 1742 finestre, alle 34 imponenti scalinate e ai 47.000 metri quadri di estensione è il palazzo reale più grande al mondo. Edificato su 5 piani e caratterizzato da uno sfarzo incredibile e da giardini che lasciano di stucco per bellezza ed estensione, è una meta turistica da visitare assolutamente. Ciò che colpisce il visitatore è l’imponenza della scalinata, Lo Scalone d’onore realizzato in marmi pregiati, che da accesso al piano superiore e alle stanze reali.

Queste ultime sono posizionate quindi sul vestibolo superiore nel quale troviamo le stanze della regina, del sovrano e dell’erede al trono. Sempre sul piano superiore si trova la celebre Cappella Palatina che fu realizzata in maniera estremamente simile alla Cappella di Versailles. Tutte le stanze sono un tripudio di arazzi, specchi, marmi e dipinti che lasciano letteralmente senza fiato il visitatore.

sala-del-trono-min.jpg

Ma tra le cose più belle ed affascinanti da vedere ci sono gli stupendi giardini reali, con le cascate e i giochi d’acqua del Giardino all’Italiana o la voluta “confusione” del Giardino all’Inglese. Sia le fontane e i laghetti del Parco Reale che i corsi d’acqua del Giardino all’Inglese sono alimentati dall’Acquedotto Carolino. Si tratta di una maestosa opera di ingegneria idraulica che attraversa diverse montagne e si snoda per una lunghezza di circa 38 chilometri partendo dal Monte Taburno. Nei Giardini all’Inglese si possono ammirare piante provenienti direttamente da alcune delle principali località campane come Capri, Salerno e Maiori. Si caratterizzano per un voluto disordine, come a voler imitare una natura selvaggia fatta di ruscelli, laghetti e boschi, nei quali troviamo anche finte rovine in stile Pompei.

Giardini-inglesi-min.jpg

Parco Reale: il giardino della Reggia

Il Parco Reale riflette invece le geometrie tipiche dei giardini del Rinascimento, con l’inserimento di quelle innovazioni che vediamo nei giardini di Versailles. Uscendo dal palazzo reale il colpo d’occhio che si ha sui giardini è qualcosa di strabiliante per geometrie e vastità!

Ma non è tutto! Sono in pochi a conoscere anche una piccola curiosità: il primo bidet in Italia fu realizzato proprio qui nella Reggia di Caserta. Fu voluto, infatti, dalla regina Maria Carolina d’Asburgo che era alquanto innovativa per i suoi tempi e, certamente, amante dell’igiene personale molto più di quanto lo fosse normalmente quell’epoca. Era una sorta di bacinella in legno incastrata in una struttura di legno finemente intarsiata. La regina era un’amante dell’igiene personale, non a caso si fece costruire una vera e propria sala da bagno.  Al suo interno troviamo una toilette in marmo di Carrara, una lussuosa vasca da bagno in granito servita da acqua corrente ed un rivoluzionario bidet, il primo appunto. Grazie a questa introduzione, il sanitario si diffuse poi dalla Reggia di Caserta al resto d’Italia.

Se ti trovi in Campania, da solo o in gruppo, ti consiglio di fare questa escursione giornaliera affidandoti all’agenzia di viaggi Mazzone. Ti mette a disposizione un’auto, oppure un van da 8 posti o un minibus da 16 persone, con un servizio guida che ti spiegherà tutti i segreti della Reggia di Caserta. Durante l’escursione giornaliera, della durata di 8 ore, è previsto anche un rilassante momento presso lo shopping center McArthrGlenn La Reggia, proprio lì nei pressi. Sarà l’occasione per fare acquisti a prezzi scontati fra il 35% e il 70% durante tutto l’anno. Ma nemmeno gli amanti della buona cucina rimangono delusi da questa escursione: a pranzo si fa sosta in uno storico ristorante in cui sono ben conservate le antiche tradizioni culinarie e dove puoi respirare l’atmosfera del passato. Per prenotare l’escursione oppure per avere semplicemente delle informazioni, puoi compilare il nostro modulo contatti o chiamare direttamente il numero 0824482030.

WhatsApp
Translate »